Italy’s Oldest Palio Takes Place in Asti

ITA:

Il Palio più antico d'Italia si svolge ad Asti
palio in Italy
English

Taking place every year in September, the Palio di Asti involves 21 towns and villages of the area surrounding this Piedmont town, the capital of Monferrato, one of Italy’s most important wine regions, 55 km west of Turin.

Except for brief interruptions, the Palio di Asti has been run every year since medieval times, and it’s considered the oldest in Italy. It originated as part of the celebrations in honor of Asti’s patron saint, San Secondo. The earliest record dates to 1275, cited by Guglielmo Ventura, who also reports that the first race took place in rival Alba, as a gesture of challenge and ridicule, also causing extensive damage to the vineyards.

Asti was, in the 13th century, one of Italy’s richest and most powerful towns, holding the right to coin money and with a dense network of trade relations with France, Flanders and England.

Towers, houses and palaces remain from that time, and it is in this historic background that 1200 people in medieval costumes and flag-wavers, amid colorful banners and drums rolling, parade, starting in the early afternoon from the cathedral of Santa Maria Assunta, and making their way through the streets of the historic center until they reach Piazza Alfieri, the heart of the city, which is where the event reaches its climax with a bareback horse race. The prize is of course the palio, the piece of cloth which in this case is crimson colored and features the emblem of the city and the image of the patron saint. Even the last to arrive receives a prize: a salted anchovy, awarded as a sign of mockery and dishonor.

The Palio is a significant event for many Asti residents, who prepare for it even a year in advance and start celebrating a few days before with propitiatory dinners in various neighborhoods.

Italian

Il Palio di Asti, che si svolge ogni anno a settembre, coinvolge 21 città e villaggi della zona intorno a questa città piemontese, capitale del Monferrato, una delle più importanti regioni vinicole italiane, a 55 km da Torino.

Tranne brevi interruzioni, il Palio di Asti si è svolto ogni anno sin dal medioevo ed è considerato il più antico d'Italia. Ha avuto origine in occasione delle celebrazioni che si tenevano in onore del santo patrono di Asti, San Secondo. Il primo documento storico risale al 1275, quando il Palio è menzionato da Guglielmo Ventura, che racconta anche come la prima gara si svolse nella rivale Alba, come gesto di sfida e di scherno, causando peraltro ingenti danni alle vigne.

Asti era, nel 13° secolo, una delle città più ricche e potenti in Italia; aveva il diritto di battere moneta e intratteneva una fitta rete di relazioni commerciali con Francia, Fiandre e Inghilterra.

Di quell’epoca sono rimaste torri, case e palazzi, ed è in questo contesto storico che sfilano 1200 persone in costumi medievali e sbandieratori, tra il rullo dei tamburi e i drappi colorati. La parata ha inizio nel primo pomeriggio, dalla cattedrale di Santa Maria Assunta, e procede per le vie del centro storico fino a raggiungere Piazza Alfieri, il cuore della città, luogo in cui l'evento raggiunge il suo apice con una corsa di cavalli montati a pelo (senza sella). Il premio è ovviamente il palio, la pezza di stoffa che in questo caso è di colore cremisi e raffigura l'emblema della città e l'immagine del santo patrono. Anche l'ultimo ad arrivare riceve un premio: un'acciuga salata, data in segno di scherno e disonore.

Il Palio è un evento significativo per molti residenti astigiani, che lo preparano anche con un anno di anticipo e iniziano a celebrarlo già qualche giorno prima con cene propiziatorie in vari quartieri.

More Dual Language Articles...