New Lighting for the Baptistery, Iconic Florence Monument

ITA:

Nuova luce per il Battistero, monumento emblematico di Firenze
Baptistery Florence

Use player to listen to Italian version

English

The iconic Florentine monument, the Baptistery, often one of the first sights tourists encounter on their way from the Florence train station, is getting new lighting by none other than Oscar winner Vittorio Storaro and his daughter Francesca, an architect.

The project for the new lighting of the Baptistery of Florence takes inspiration from the concept of Baptism, a ‘bath of rebirth’ through which one ‘comes to light.’ The columns of the octagon, symbol of infinity, will be wrapped in light, while warm-tone lights will fill the mosaic of the dome reaching the figure of Jesus; a softer shade will permeate the inner walls, in a dialogue between high and low, human and divine. The lighting will consist of 320 LED lighting fixtures, which should be installed by the end of 2018.

The Baptistery is one of the oldest buildings in Florence, built between 1059 and 1128 in the Florentine Romanesque style, which would later influence such prominent Renaissance architects as Francesco Talenti, Leon Battista Alberti and Filippo Brunelleschi.

Did you know Dante was baptized in the Baptistery? And with him, other notable Florentine figures, including members of the Medici family.

The octagon was a common shape for baptisteries since early Christian times; the number eight is a symbol of regeneration in Christianity. The Baptistery is crowned by a magnificent mosaic ceiling, created over the course of a century; it depicts the Last Judgment, with a gigantic Christ in the center, and other Bible stories.  

The most famous feature of the Baptistery is its doors, and especially what Michelangelo called ‘the gates of Paradise,’ the pair of gilded bronze doors (1425–52) designed by the sculptor Lorenzo Ghiberti for the north entrance. Upon their completion, they were installed at the east entrance (the original doors are now in the Museo dell’Opera del Duomo). The 10 relief panels with scenes from the Old Testament are considered some of the greatest works of early Renaissance sculpture.

Vittorio Storaro won three Academy Awards for cinematography including for Apocalypse Now. He and his daughter also designed the new lighting for the Imperial Fora in Rome.

Italian

Il Battistero, monumento emblematico di Firenze, spesso uno dei primi siti che i turisti incontrano venendo dalla stazione dei treni, avrà una nuova illuminazione firmata da nientemeno che il premio Oscar Vittorio Storaro e da sua figlia Francesca, un architetto.

Il progetto per la nuova illuminazione del Battistero di Firenze prende ispirazione dal concetto del battesimo, un ‘bagno di rinascita’ attraverso il quale si ‘viene alla luce.’ Le colonne dell'ottagono, simbolo dell'infinito, saranno avvolte dalla luce, mentre luci dai toni caldi riempiranno il mosaico della cupola raggiungendo la figura di Gesù; una sfumatura più morbida avvolgerà le pareti interne, in un dialogo tra alto e basso, tra umano e divino. L'illuminazione sarà composta da 320 apparecchi di illuminazione a LED, che dovrebbero essere installati entro la fine del 2018.

Il Battistero è uno dei più antichi edifici di Firenze, costruito tra il 1059 e il 1128 in stile romanico fiorentino, uno stile che in seguito influenzò architetti del Rinascimento come Francesco Talenti, Leon Battista Alberti e Filippo Brunelleschi.

Sapevate che Dante fu battezzato nel Battistero? E con lui, altre importanti figure fiorentine, tra cui membri della famiglia Medici.

L'ottagono era una forma comune per i battisteri sin dai primi tempi cristiani; nel Cristianesimo, il numero otto è un simbolo di rigenerazione. Il Battistero è coronato da un magnifico soffitto a mosaico, realizzato nel corso di un secolo; raffigura il Giudizio Universale, con un Cristo gigantesco al centro e altre storie bibliche.

La caratteristica più famosa del Battistero sono le sue porte, e soprattutto quelle che Michelangelo descrisse come ‘le porte del Paradiso,’ la coppia di porte in bronzo dorato (1425-52) progettate dallo scultore Lorenzo Ghiberti per l'ingresso nord. Terminati i lavori, le porte furono poi installate all'ingresso est (le porte originali sono ora nel Museo dell'Opera del Duomo). I 10 pannelli in rilievo con scene dell'Antico Testamento sono considerati tra le più grandi opere di scultura del primo Rinascimento.

Vittorio Storaro ha vinto tre Oscar per la cinematografia, tra cui quello per Apocalypse Now. Insieme alla figlia ha progettato anche la nuova illuminazione per i Fori Imperiali a Roma.

More Dual Language Articles...