Renaissance Splendor: The Ducal Palace in Urbino

ITA:

Splendore rinascimentale: il Palazzo Ducale di Urbino
what to see in Urbino

Use player to listen to Italian version

English

The Ducal Palace of Urbino is one of the highest examples of Renaissance architecture in Italy, a Unesco World Heritage site since 1998 that should definitely be seen while on a visit to the lovely Urbino in Le Marche.

In 1454, Federico da Montefeltro, skilled lord and condottiero, financed the expansion of the first nucleus of the building that had been erected by his father Guidalberto at the beginning of the century, right in front of the Duomo. The first expansion resulted in the Palace of the Jole (Jole was Hercules’ lover; Federico was fond of the mythological figure of Hercules).

In the 1460s, after winning against his rival Sigismondo Malatesta, Federico da Montefeltro decided to make the building larger and more beautiful, a palace that would become the center of Urbino’s cultural and political life. Architect Luciano Laurana worked on it for about 10 years; he is the artist who gave us the magnificent building we see today.

Laurana brought together the pre-existing buildings around an elegant arcaded courtyard, fortified the exterior of the palace and created some exquisite interiors: the Scalone d’Onore (monumental staircase), the Library, which is the largest and most sumptuous in Italy, second only to the Vatican’s, the Salone del Trono (Hall of the Throne), the Sala degli Angeli (Angels' Hall), and Sala delle Udienze (Hall of the Hearings).

But the most famous and admired of all rooms is the Studiolo, a small, irregularly-shaped room where Federico da Montefeltro spent time to devote to his studies – he was a renowned intellectual known for his contributions to enlightened culture. The walls of the Studiolo are covered with intarsia paneling (wood inlay) finely decorated with extraordinary trompe l’oeil effects – there are for example representations of semi-open closets with shelves filled with books and scientific objects.

The effect is the creation of a world filled with beauty and Humanist culture, ideals of the Renaissance that inspired Federico himself.

Inside the Ducal Palace of Urbino is the National Gallery of the Marche, which houses one of the most important collections of Renaissance art in the world, with important works by artists such as Raphael, Melozzo da Forlì, Piero della Francesca, Paolo Uccello, and Titian.

Italian

Il Palazzo Ducale di Urbino è uno dei più alti esempi di architettura rinascimentale in Italia, patrimonio mondiale dell'Unesco dal 1998, da non perdere in occasione di una visita alla bella Urbino nelle Marche.

Nel 1454, Federico da Montefeltro, abile signore e condottiero, finanziò l'espansione del primo nucleo dell'edificio che era stato eretto dal padre Guidalberto all'inizio del secolo, proprio di fronte al Duomo. Questo nucleo è conosciuto come Palazzo della Jole (Jole era l'amante di Ercole, figura mitologica molto amata da Federico).

Nel 1460, dopo avere vinto contro il suo rivale Sigismondo Malatesta, Federico da Montefeltro decise di rendere l'edificio più grande e più bello, per farlo diventare il centro della vita culturale e politica di Urbino. L'architetto Luciano Laurana ci lavorò per circa 10 anni; è lui che ci ha dato il magnifico palazzo che vediamo oggi.

Laurana riunì gli edifici preesistenti attorno ad un elegante cortile porticato, fortificò l'esterno del palazzo e creò alcuni splendidi ambienti all'interno: lo Scalone d'Onore, la Biblioteca, la più grande e la più lussuosa d'Italia, seconda solo a quella del Vaticano, il Salone del Trono, la Sala degli Angeli e la Sala delle Udienze.

Ma il più famoso e ammirato di tutti gli ambienti è lo Studiolo, una piccola stanza dalla forma irregolare dove Federico da Montefeltro trascorreva il tempo da dedicare ai suoi studi; era un rinomato intellettuale noto per il suo contributo alla cultura illuminata. Le pareti dello Studiolo sono rivestite con pannelli intarsiati di legno, finemente decorati con straordinari effetti trompe l'oeil - ci sono per esempio rappresentazioni di armadi semi-aperti con scaffali colmi di libri e oggetti scientifici.

L'effetto è la creazione di un mondo ricco di bellezza e cultura, ideali del Rinascimento che ispiravano lo stesso Federico.

All’interno del Palazzo Ducale di Urbino si trova la Galleria Nazionale delle Marche, che ospita una delle più importanti collezioni di arte rinascimentale al mondo, con importanti opere di artisti come Raffaello, Melozzo da Forlì, Piero della Francesca, Paolo Uccello e Tiziano.

More Dual Language Articles...